Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Vitamina K2 e D3: cosa dovresti assolutamente sapere

In questo articolo parliamo delle vitamine K2 e D3, molto utili quando integrate in associazione.

Vitamina k2 e d3

Hai mai sentito parlare della vitamina K2? In effetti è molto meno famosa rispetto ad altre vitamine, come la C ad esempio, ma ti assicuro che la vitamina K2 è altrettanto importante per il benessere del nostro organismo e svolge un ruolo fondamentale nella circolazione sanguigna.

Senza contare il fatto che la vitamina K2 collabora con la più famosa vitamina D3 per promuovere anche il benessere delle ossa. Vitamina K2 e D3 sono due vitamine indispensabili se si desiderano ossa forti e denti robusti1 e in quest’articolo vedremo proprio perché.

Scopri DKE + Magnesio Salugea, l’integratore 100% naturale di i Vitamina D3, K2, E più Magnesio.

Ma prima lascia che ti racconti qualcosa in più della vitamina K2 e D3 e delle loro funzioni all’interno del nostro organismo.

Vitamina K2: conosciamola meglio

La vitamina K appartiene alla classe delle vitamine liposolubili, chiamate così perché si sciolgono nei grassi. Viene accumulata nel fegato e viene rilasciata a piccole dosi in caso di necessità.

Di vitamina K ne esistono ben due forme, la vitamina K1, presente negli alimenti di origine vegetale, e la vitamina K2, che invece viene sintetizzata dalla flora batterica intestinale a partire dalla vitamina K1.

Il suo nome viene dal tedesco Koagulation2, proprio a sottolineare la sua funzione principale. La vitamina K infatti è indispensabile per la sintesi della protrombina a livello epatico e una sua carenza può portare a una diminuzione dei livelli della protrombina plasmatica, riducendo la capacità di coagulazione del sangue. A scoprire il legame tra la vitamina K e la coagulazione furono Henrik Dan ed Edward Doisy, a cui nel 1943 venne conferito il premio Nobel per la medicina.

Oltre ad essere un fattore determinante per la coagulazione, la vitamina K, nella sua forma di vitamina K2, svolge un ruolo non da poco anche nel processo di mineralizzazione ossea. La vitamina K2 infatti attiva una specifica proteina chiamata osteocalcina3, a sua volta coinvolta nel metabolismo dell’osso. Il compito principale di questa proteina è quello di indirizzare il calcio nei denti e nelle ossa, evitando che possa accumularsi erroneamente così lungo i tessuti molli come reni, articolazioni e le arterie, riducendo così il rischio di malattie cardiovascolari4.

Secondo gli studi scientifici la vitamina K è un’alleata preziosa per prevenire le malattie cardiovascolari dovute a un accumulo di calcio nelle arterie, soprattutto l’aterosclerosi. Questo proprio perché inibisce la calcificazione dei tessuti molli e delle arterie5.

Anche se la vitamina K2 viene prodotta dalla flora batterica intestinale presente nel colon, la quantità prodotta non è sufficiente per coprire il fabbisogno giornaliero, quindi è necessario integrarla anche attraverso l’alimentazione se non si vuole andare incontro a una sua carenza.

Tra gli alimenti che costituiscono una fonte di vitamina K abbiamo:

  • I broccoli
  • Gli spinaci
  • I cereali
  • La bieta
  • La lattuga

Oltre che nelle verdure la vitamina K è presente anche nella carne, soprattutto nel fegato, e in alcuni oli vegetali come quello di girasole e di soia.

Vitamina K2 e D3: quello che forse ancora non sapevi

La vitamina D è molto più famosa della vitamina K. Tutti sanno che viene prodotta attraverso l’esposizione solare e tutti sono a conoscenza del fatto che la vitamina D è fondamentale per la mineralizzazione ossea, perché regola l’assorbimento e la disponibilità dal calcio e del fosforo, i due principali minerali che formano la struttura delle ossa.

Quello che forse tutti non sanno è che per avere ossa e denti forti, e per prevenire l’osteoporosi, vitamina K2 e D3 andrebbero prese insieme.

L’osteoporosi è una malattia delle ossa caratterizzata da una lenta e progressiva diminuzione delle loro densità. Se osservassimo un osso colpito da osteoporosi al microscopio lo vedremmo poroso, con una struttura a nido d’ape, e molto più sottile rispetto a un osso normale. Proprio perché più sottile un osso colpito da osteoporosi è anche più fragile, e per questo più soggetto a fratture, anche a seguito di traumi lievi.

Dato che è opinione corrente e diffusa che l’osteoporosi dipende da una mancanza di calcio, per contrastarla viene spesso consigliato di integrare solo calcio e/o vitamina D. Può accadere però che un’integrazione basata solo sul calcio e/o sulla vitamina D posso causare degli scompensi.

Il calcio, soprattutto quello in eccesso, potrebbe infatti non andare a depositarsi solo nelle ossa, ma anche nei tessuti molli, portando con il tempo a una calcificazione delle arterie, dei tessuti molli articolari e dei reni. Un accumulo di calcio nelle arterie è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Ecco allora che per evitare questo rischio diventa indispensabile assumere vitamina K2 e D3 insieme, così che la vitamina K2, attivando osteocalcina, possa indirizzare il calcio solo là dove serve, ovvero nelle ossa e nei denti.

Altri studi hanno dimostrato che la vitamina K2 protegge la salute delle arterie attivando non solo l’osteocalcina, ma anche un’altra proteina chiamata Matrix Gla protein6, che sposta il calcio erroneamente depositato lungo i tessuti molli, evitando così l’insorgere di danni per la salute.

Vitamina K2 e D3: le vitamine di cui hai bisogno per avere ossa forti e robuste

Scommetto che non immaginavi nemmeno lontanamente che per avere ossa forti e robuste la vitamina K2 e D3 dovessero fare tutto questo lavoro, non è vero? Forse non immaginavi nemmeno che le ossa fossero protagoniste di un processo tanto complesso. Questo perché siamo portati a immaginare le ossa come qualcosa di profondamento statico e invariabile, ma non è affatto così.

Le ossa in realtà sono un tessuto vivo e vanno incontro ogni giorno a lenti ma continui cambiamenti. Anche le ossa, come ogni cellula del nostro organismo, invecchiano, e quando succede bisogna prontamente sostituire il tessuto osseo invecchiato con del tessuto osseo nuovo di zecca, così da mantenere sempre un apparato scheletrico efficiente.

A occuparsi di questo processo di rimozione e di ricostruzione del tessuto osseo sono gli osteoclasti e osteoblasti, cellule altamente specializzate, che come una vera e propria squadra di ricostruzioni sostituiscono il tessuto osseo vecchio con il tessuto osseo nuovo.

Anche se il calcio è sicuramente un minerale indispensabile per la buona salute delle ossa, perché forma la maggior parte della loro struttura, da solo non è sufficiente a proteggere le ossa dall’osteoporosi.

Ecco perché il Ministero della Salute nelle sue linee guida raccomanda anche una giusta integrazione di vitamina D3, che ne assicura l’assorbimento e l’equilibrio.

Alla vitamina D3 poi, se vuoi assicurarti davvero ossa e denti robusti, ora sai che puoi integrare anche la vitamina K2. Vitamina K2 e D3 insieme sono perfette non solo per proteggerti dal rischio di calcificazione vascolare, ma anche per aumentare la densità ossea.

Un’integrazione di vitamina K2 e D3 è molto utile anche per le donne in menopausa. A causa dei cambiamenti ormonali tipici di questa fase, le donne sono più a rischio osteoporosi rispetto agli uomini. Uno studio7 dimostra che grazie alla vitamina K2 le donne in post-menopausa riescono a rallentare la perdita di densità ossea legata all’età.

Integratore Vitamine D3, K2, E e Magnesio

Vitamina K2 e D3 una raccomandazione in caso di terapia anticoagulante

Come hai letto prima la vitamina K2 ha un ruolo importante nella coagulazione del sangue. In caso di terapia con farmaci anticoagulanti, che richiedano il controllo del PT/INR, il consiglio prima di assumere integratori di vitamina K2 è quello di parlarne con il proprio medico curante, perché l’apporto di K2 può alterare significativamente l’effetto del farmaco e quindi il risultato sul valore coagulativo.

Ultimo aggiornamento il: 25/07/2019

"I veri amici
condividono tutto"

Conosci un amico che potrebbe trovare utile questo post?
Condividilo con lui!

BIBLIOGRAFIA

1 Southeast Asian J Trop Med Public Health. 2005 Jul;36(4):1066-9. Induction of type I collagen and osteocalcin in human dental pulp cells by retinoic acid. Thaweboon S, Thaweboon B, Choonharuangdej S, Chunhabundit P, Suppakpatana P.

2 Fat-Soluble Vitamins pp 455-488 – Vitamin K Metabolism. Paul NewmanMartin J. Shearer.

3Haemostasis. 1986;16(3-4):258-72. Osteocalcin: the vitamin K-dependent Ca2+-binding protein of bone matrix. Hauschka PV.

4 Lancet. 2004 Feb 14;363(9408):557-9. Coronary calcification score: the coronary-risk impact factor. Thompson GR, Partridge J.

5 Adv Nutr. 2012 Mar 1;3(2):166-73. doi: 10.3945/an.111.001628. The role of vitamin K in soft-tissue calcification. Theuwissen E, Smit E, Vermeer C.

6 Thromb Haemost. 2008 Oct;100(4):593-603. Matrix Gla-protein: the calcification inhibitor in need of vitamin K. Schurgers LJ, Cranenburg EC, Vermeer C.

7 Osteoporosis International September 2013, Volume 24, Issue 9, pp 2499–2507. Three-year low-dose menaquinone-7 supplementation helps decrease bone loss in healthy postmenopausal women. M.H.J. Knapen, N.E. Drummen, E. SmitC. Vermeer, E. Theuwissen

Scritto da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il

Trackback dal tuo sito.

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Facciamo due chiacchere?

  • Avatar

    Florinda

    |

    Questo articolo di vitamina K2 e D3 è molto interessante e spiega bene ed in modo comprensibile il perché associarle.

    Rispondi a Florinda

  • Avatar

    Cristina Fani

    |

    Grazie mille i vostri articoli sono molto interessanti e istruttivi spiegati chiaramente li leggo davvero volentieri complimenti a tutti voi

    Rispondi a Cristina Fani

  • Avatar

    Stefania

    |

    Ma vit d e k2 possono essere assunte nello stesso momento o in due diversi orari della giornata l’una dall’altro?

    Rispondi a Stefania

    • Avatar

      Dott.ssa Federica De Santi

      |

      Ciao Stefania,
      in caso di assunzioni giornaliere, come avviene con Dke + Magnesio, non vi è la necessità di prendere le vitamine separate anzi la loro sinergia e contemporaneità fa sì che i nutrienti vengano veicolati meglio 🙂

      Inoltre non vi è alcuna dimostrazione scientifica che le due (prese con questi dosaggi) debbano stare separate. Altro dato che conferma questo è vedere cosa succede alle due vitamine unna volta introdotte nel nostro corpo. La via biochimica funzionale della Vitamina D è completamente diversa da quella della K. Pertanto non ci può essere alcuna interferenza a livello di “recettori” fra le due vitamine.
      Se hai piacere di approfondire il discorso siamo a tua disposizione! 🙂

      Rispondi a Dott.ssa Federica De Santi

  • Avatar

    Mirella Armellini

    |

    Quali sono le modalità di assunzione della vita D e K2, devono essere prese in contemporanea?da sole o con aggiunta di grassi? E quale dosaggio di vitamina.D giornaliero è più indicato?

    Rispondi a Mirella Armellini

    • Avatar

      Dott.ssa Federica De Santi

      |

      Ciao Mirella,
      la vitamina D e la vitamina K2 sono vitamine che devono essere assunte insieme.
      Per questo Salugea ha creato DKE + Magnesio, un integratore che racchiude vitamina D, vitamina K, vitamina E e Magnesio!
      Dato che si tratta di vitamina liposolubili è bene prendere il prodotto in corrispondenza dei pasti per garantire i grassi necessari per l’assimilazione.
      Secondo il Ministero della Salute, per quanto riguarda gli integratori, puoi assumere fino a 2000ui di vitamina D al giorno.

      Rispondi a Dott.ssa Federica De Santi

Lascia un commento

Lesione tendinea ricorrente La causa potrebbe essere una predisposizione genetica Per chi fa sport o semplicemente ama giocare ...
Osteoporosi in gravidanza Parlare di osteoporosi in gravidanza lo so, può sembrare strano. L'osteoporosi è infatti da sempre c...
Osteoporosi: valori di riferimento Per scoprire se si soffre di osteoporosi, i valori di riferimento sono quelli della MOC. La Mine...
Vitamina D: cosa fa?! Tutti parlano di vitamina D, specialmente d’estate, ma esattamente la vitamina D cosa fa nel nostro ...
Vitamina D dove si trova quella naturale La vitamina D fa parte delle vitamine cosiddette liposolubili, vitamine contenute nei grassi e assoc...
Osteoporosi: tutte le cause e come prevenirla L’osteoporosi è una malattia delle ossa e in questo articolo ne scopriamo le cause e come prevenirla...