Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Caffè e colesterolo: qual è il vero rapporto tra i due?

Il caffè è una delle bevande più amate al mondo. In particolar modo dagli italiani che ne consumano circa una tazzina e mezza al giorno. In effetti per chi lo ama, il caffè rappresenta una bevanda irrinunciabile. Una vera e propria pozione magica che con il suo sapore amaro rende più dolce l’inizio di ogni giornata. Non a caso anche il grande Eduardo De Filippo parlando del caffè disse:” Quando io morirò, tu portami il caffè, e vedrai che io resuscito come Lazzaro”. Eppure c’è chi, a torto o ragione (questo lo vedremo poi), ha rinunciato alla gioia del caffè perché preoccupato dei propri livelli di colesterolo. In quest’articolo vedremo il vero rapporto che esiste tra caffè e colesterolo.

Capirai se davvero chi ha i valori più alti della norma fa bene a limitarne il consumo. Se vuoi sapere quali sono i valori di colesterolo totale e di colesterolo LDL e saperne di più sul mondo del colesterolo scarica la guida gratuita sul colesterolo. Per averla ti basterà cliccare il pulsante arancione qui sotto.

Scaricare gratuitamente il Manuale del Colesterolo »

L’incidenza del caffè sul rischio cardiovascolare: lo studio GISSI

Stando a quanto riporta uno studio scientifico nessun problema tra caffè e colesterolo, chi lo amava e vi ha rinunciato può reintrodurlo nella dieta. A dirimere i dubbi sul consumo di caffè e il rischio cardiovascolare è stato lo studio GISSI (Gruppo Italiano per lo Studio della Sopravvivenza nell’Infarto miocardico).

Secondo il quale il consumo moderato di caffè non aumenta il rischio cardiovascolare. Questo grazie alla grande percentuale di antiossidanti contenuta al suo interno, ossia di quelle molecole capaci prevenire i danni causati dai radicali liberi e che proteggono il nostro organismo dallo stress ossidativo.

Altri studi condotti in Olanda e in Finlandia hanno addirittura dimostrato che il caffè, grazie al suo alto contenuto in acidi clorogenici, riesce ad avere un’azione preventiva anche nei confronti di alcune malattie come il diabete di tipo 2 e il Morbo di Parkinson. Ricerche che sono state riportate anche dalla Nutrition Foundation of Italy1, in cui ha deciso di fare un po’ di luce sulla questione del caffè e dei suoi impatti sulla salute.

colesterolo e caffe

Il vero pericolo per il colesterolo: il caffè bollito

Ma se bere due tazzine di caffè al giorno è un piacere che viene concesso a tutti, anche dalla medicina, da dove viene la credenza che quando si hanno i valori di colesterolo alti sarebbe bene evitare di berlo? Per scoprire la risposta dobbiamo volare fino in Norvegia. È da lì che viene la teoria che il caffè che non va d’accordo con il colesterolo: il caffè bollito.

Anzitutto tranquilli perché nessun amante dell’espresso o della moka avrebbe il coraggio di bere questo tipo di caffè. Un tipo di preparazione che viene fatta nei paesi nordici e in Turchia che si ottiene facendo bollire una manciata di chicchi di caffè, tagliati in maniera approssimativa, per circa 10 minuti.

Preparato così nel caffè aumenta il contenuto di due sostanze il cafeolo e il cafestolo che possono incidere negativamente sui livelli di colesterolo. Due composti che per fortuna non ritroviamo, almeno in quantità così elevate nel caffè filtrato, come sono l’espresso o (per gli amanti del genere) il caffè americano.

Caffè sì, ma attenzione alla caffeina

Oltre a una buona quantità di polifenoli nel caffè è presente anche un’altra sostanza che se presa in dosi eccessivi può risultare non proprio salutare per l’organismo. La caffeina. Quindi a prescindere dal fatto che tu abbia o meno i valori di colesterolo alterati è meglio non eccedere e non bere mai più di due tazzine al giorno di caffè. Almeno se non vuoi incorrere in effetti collaterali come:

  • Mal di testa
  • Bruciore di stomaco
  • Tachicardia
  • Agitazione
  • Sbalzi pressori

Cosa evitare nel caffè se si soffre di colesterolo alto

Una cosa a cui invece è bene fare attenzione in caso di colesterolo alto è il modo in cui si consuma. Mi spiego subito meglio. I livelli di colesterolo nel sangue vengono influenzati dal consumo di due alimenti principali:

  • I grassi saturi
  • Gli zuccheri semplici

Quindi se ami prendere il caffè macchiato o zuccherato, fallo cercando di usare del latte scremato o del dolcificante naturale, come la stevia o il miele. Il latte intero e lo zucchero raffinato potrebbero contribuire, quando consumati in eccesso, ad alzare il rischio cardiovascolare.

Spero con quest’articolo di aver chiarito qualche dubbio sul consumo di caffè e sul suo rapporto con il colesterolo. Quindi, sicura del fatto che da oggi ne farai un consumo moderato, ti lascio correre da quella moka fumante che sento sbuffare sui fornelli della tua cucina:

“Ah! Come è dolce il sapore del caffè! Più dolce di mille baci, più dolce di un vino moscato”.

“La Cantata del caffè” di J.S.Bach

Se non lo hai già fatto, clicca qui per scaricare gratuitamente il Manuale del Colesterolo »

Ultimo aggiornamento il: 10/06/2019

"I veri amici
condividono tutto"

Conosci un amico che potrebbe trovare utile questo post?
Condividilo con lui!

FONTI

1 Jnutrition-foundation.it Il Caffè

Scritto da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il

Trackback dal tuo sito.

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

Uova e colesterolo: quante se ne possono mangiare? L’uovo è un alimento economico, gustoso, facile da preparare e ricco di nutrienti utili per il nostr...
EPA e DHA: cosa sono e a cosa servono EPA e DHA sono i più importanti acidi grassi della famiglia degli Omega 3 e svolgono nel nostro orga...
Trigliceridi alti: quando preoccuparsi Eccola lì posata sul tavolino della cucina: è la busta bianca del laboratorio dove hai eseguito le u...
Alternative alle statine: quali sono e come assumerle Se vuoi scoprire di più sui farmaci più utilizzati per contrastare l'eccesso di colesterolo nel sang...
Liposan forte: funziona? Indagine Statistica Utilizzatori Liposan Forte Come forse già sai, Liposan Forte è l’integratore 10...
Dieta per i trigliceridi alti: cosa non devi mangiare Mangiare sano aiuta a vivere meglio e più a lungo. Che l'alimentazione sia uno dei fattori più impor...

Un regalo per te!

Utilizza questo codice nel nostro shop di prodotti naturali e ricevi il 10% di sconto sul tuo ordine.

BLOG05

Il codice sconto deve essere inserito nel campo "Coupon Sconto" durante la creazione dell'ordine.